Dopo 4 anni strappate dai genitori affidatari e date in adozione

Su Facebook il dolore di una mamma e di un papà che si sono visti portar via le loro bimbe. La speranza che con questa lettera potranno rincontrarsi.

Tiziana Cardile e Mauro Ferri hanno accolto in affidamento due bambine, Bianca e Sabrina. Per 4 anni le hanno cresciute e amate come figlie loro. Ma adesso le piccole sono state dichiarate adottabili, saranno destinate a due famiglie diverse e separate per sempre da quelli che ormai sono diventati a tutti gli effetti i loro genitori. Addirittura per legge non potranno più vederli né sentirli.

Tiziana e Mauro sono distrutti dal dolore. Avrebbero voluto adottarle, ma per i servizi sociali non ci sono i tempi burocratici per avviare la pratica e in lista ci sono già centinaia di famiglie dichiarate idonee. Nonostante la nuova legge privilegi l’adozione di chi ha i bimbi in affido. Di fronte all’impotenza e all’angoscia di vedersi strappare le loro bimbe solo per un cavillo, per un iter burocratico che non tiene conto dei legami umani e affettivi, i genitori gridano la loro sofferenza e la loro frustrazione via Facebook. Un post straziante perché non solo la loro famiglia sarà distrutta, ma Bianca e Sabrina non potranno nemmeno crescere insieme.

Tiziana ha deciso di rivolgersi quindi alle sue bambine rendendo pubblico il loro dramma, perché non ha più modo di comunicare con loro:

Vi chiedo scusa perché sto rendendo pubblico un dolore che andrebbe consumato in privato ma questo è l’unico modo che ho per sperare che un giorno Vi potremo rivedere o anche solo risentire.

Tiziana e Mauro scrivono di aver saputo all’improvviso del provvedimento del giudice di dare in adozione le bambine a due altre famiglie. Si sono trovati di fronte al fatto compiuto all’improvviso, senza dare loro alcuna possibilità:

Il provvedimento diceva che sareste state separate e date in adozione a due famiglie diverse e che noi non avremmo piu’ potuto ne vederVi e neppure sentirVi e non avremmo mai saputo dove sareste andate a continuare la Vs piccola, devastata vita ma questo, forse, alla data di oggi ( 22 Giugno 2016) forse già lo sapete anche Voi. […]  Ci è stato detto che non eravamo nell’elenco delle famiglie adottive che erano in possesso dei requisiti adeguati; che anche noi probabilmente avevamo tutti i requisiti ma che dovevamo essere “valutati” e questo richiedeva tempo e tempo non ce n’era piu’ .

A nulla è valsa la nuova legge che dovrebbe dare continuità affettiva ai bimbi in affidamento. Bianca e Sabrina saranno accolte da altre famiglie, separate tra loro e da quelli che per 4 anni hanno chiamato mamma e papà. Non potranno portare con loro nemmeno le loro cose:

Non ci è permesso neppure darvi le vs cose, giocattoli e foto, soprattutto le foto, la nostra vita insieme. Ci è stato detto di fare due pacchi separati uno per Te Bianca e uno per Te Sabrina. Come se la vita delle persone si potesse dividere e riporre dentro a delle scatole da consegnare separatamente.

La lettera di Tiziana e Mauro si conclude con una grandissima manifestazione d’amore per le due piccole e un appello affinché un giorno quando saranno grandi verranno a cercarli. Loro saranno per sempre i loro genitori e quella che hanno dovuto abbandonare così precipitosamente, sarà sempre la loro casa:

Io e Papà Vi vogliamo dire che Vi vogliamo bene, ma questo l’avete sempre saputo.
Quello che dovete ricordare sempre è che se un giorno ci cercherete, noi non potremo farlo perché i Vs cognomi cambieranno, saremo qui ad aspettarvi, che la casa dove avete vissuto sarà per sempre la vostra casa e che ancora speriamo che Toffee con la quale siete state cucciole insieme possa mantenere la promessa di essere, un giorno, un vecchio cane che accompagna due meravigliose e coraggiose giovani guerriere a discutere la tesi di laurea.
Mamma e Papà.

FONTE: https://dilei.it/notizie/dopo-4-anni-strappate-dai-genitori-affidatari-e-date-in-adozione/452724/

ASSISTENZA LEGALE

Il team degli avvocati della rete U.D.i.RE opera attraverso l’adozione di un metodo multidisciplinare in grado di offrire alla PERSONA vittima di violenza un servizio di consulenza/assistenza legale capace di far fronte ad ogni sua necessità.
Lo studio delle vicende e delle cause avviene attraverso un gruppo di professionisti, di legali specializzati nelle materie del diritto civile e del diritto penale.
U.D.i.RE si avvale della collaborazione di un team di legali esperti nella difesa dei diritti umani e civili che, operando in concerto con altre figure professionisti presenti nell’associazione (medici, psicologi, psicoterapeuti, psichiatri, educatori, counselor, mediatori, ctu), garantiscono un servizio di assistenza legale idoneo ad emancipare la PERSONA da situazioni di sofferenza o relazioni lesive della propria integrità psico-fisica.

La responsabile dell’ufficio legale U.D.i.RE è l’Avv. Claudia CARRIERI.
Gli avvocati ricevono presso la sede del centro U.D.i.RE a Giaveno (TO), Via Maria Ausiliatrice  67, ogni settimana previo appuntamento.

***Gli Avvocati U.D.i.RE sono iscritti nell’elenco degli Avvocati abilitati al Patrocinio a Spese dello Stato, accessibile da parte di qualsiasi soggetto il cui reddito non superi la soglia prevista per legge.