ALIENAZIONE GENITORIALE

LA BATTAGLIA CONTRO LA VIOLENZA DELL’ALIENAZIONE GENITORIALE

Ricordando che le vittime di Alienazione Genitoriale (PADRI e MADRI) “muoiono” tutti i giorni; che è compito di uno Stato salvaguardare e proteggere UNA PERSONA, a cominciare dal contrasto a qualsiasi forma di abuso e violenza nei confronti dei MINORI, U.D.i.RE continua a supportare LA CAMPAGNA PROMOSSA, NELL’ANNO 2015, DALLA “FONDAZIONE DOPPIA DIFESA” (rappresentanta dall’On. Avv. Giulia BUONGIORNO e dalla showgirl Michelle HUNZIKER), auspicando che il testo della Proposta di Legge: “Disposizioni penali in tema di abuso delle relazioni familiari o di affido”, venga rispolverato dal Parlamento, al più presto portato in discussione in aula ed approvato.


Scarica il testo della Proposta di Legge:
“Disposizioni penali in tema di abuso delle relazioni familiari o di affido

Art. 1
(Modifiche al codice penale)

1.Dopo l’art. 572 del codice penale è inserito il seguente articolo:

“Art. 572 bis
(Abuso delle relazioni familiari o di affido)

Salvo che il fatto non costituisca un più grave reato, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni chiunque, nell’ambito delle relazioni familiari o di affido, compiendo in presenza del minore infraquattordicenne ripetute attività denigratorie ai danni del genitore, ovvero limitando con altri artifizi i regolari contatti del genitore con il minore medesimo, intenzionalmente impedisce l’esercizio della responsabilità genitoriale. Se dal fatto deriva una rilevante modificazione dell’equilibrio psichico del minore, le pene sono aumentate. Le pene sono aumentate da un terzo alla metà, se il fatto di cui ai commi precedenti riguarda un minore di anni dieci o con disabilità ai sensi dell’art. 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104. Il delitto è punibile a querela della persona offesa, salvo che ricorra una delle circostanze aggravanti di cui ai precedenti commi”.



IO SARO’ SEMPRE IL TUO PAPA’


Alienazione genitoriale: i primi segnali